Elena Lenzini | Le relazioni endofamiliari ai tempi del coronavirus: cos’è cambiato nei mesi di lockdown?

0
164

Da quando il coronavirus ha fatto il suo ingresso nelle nostre vite, tutto è cambiato. Niente più contatti. Lavoro da casa. E scuole chiuse, quanto meno fino a fine anno. Uno scenario impensabile fino anche solo ad un anno fa.

La vita familiare è tornata al centro della vita. Tutto d’un tratto, la vita familiare – quella vita familiare che aveva assunto un ruolo sempre più defilato nelle nostre giornate strapiene d’impegni – è tornata alla ribalta.

I genitori sono diventati l’unico punto di riferimento educativo e affettivo. I genitori si sono ritrovati improvvisamente soli. Unici punti di riferimento educativi e affettivi. Con un certo sgomento ci rendiamo conto di come la scuola abbia subito una rivoluzione copernicana negli ultimi decenni.

E poi gli adolescenti, sono costretti a casa: cupi, distanti e preda dell’impotenza.

L’elaborazione e la ricostruzione di un senso.

Il tempo, che oggi ci è così greve nell’isolamento e nell’angoscia, tornerà a scorrere ai ritmi usuali e a permettere l’elaborazione e la ricostruzione di un senso. Arriverà un giorno in cui noi e i nostri figli potremo raccontare cosa è accaduto in quella primavera e di come ciò ha segnato un prima e un dopo.

Forse non dobbiamo aspettare: dobbiamo trovare fin d’ora, soprattutto per i nostri figli, parole oneste e affettuose che li accompagnino in questa tratta, aiutandoli a tollerare l’attesa.

Previous articleGiampaolo Musumeci | Il confine tra vivere ed esistere, storie di vita dei popoli d’oltre confine
Next articleMichele Colajanni | Giovani, quali protagonisti della società digitale
giornalista, saggista, docente e consulente aziendale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here